Associazione Istruzione Unita Scuola-Sindacato Autonomo

Sede Nazionale: Via Olona n.19-20123 Milano Info+390239810868 o 3466872531


venerdì 1 ottobre 2010

L'INPS cambia le «carte in tavola» e peggiora la situazione


[L'approfondimento curato da HandyLex.org, dal titolo L'INPS cambia le "regole" della verifica sulle invalidità civili è disponibile cliccando qui]
Potrebbero essere «più severe di quanto appaia» - secondo il Servizio HandyLex.org - le conseguenze per i Cittadini, dopo che nei giorni scorsi il Direttore Generale dell'INPS ha caldeggiato, con una Circolare interna ai Direttori Regionali, il ricorso prioritario alla visita diretta, ulteriore a quella già effettuata dalla Commissione ASL, in caso di accertamento di invalidità, handicap e disabilità. Proviamo a capire perché
«Con una nota interna - informa il Servizio HandyLex.org - l'INPS caldeggia il ricorso prioritario alla visita diretta, ulteriore a quella già effettuata dall'ASL, per i Cittadini che richiedono l'accertamento dell'invalidità. Questo significa che un numero crescente di Cittadini dovranno essere sottoposti a ben due visite prima che venga loro, eventualmente, riconosciuto lo status di invalidi, ciechi, sordi o persone con handicap». «Si tratta - viene aggiunto sempre da HandyLex.org - di un significativo passo indietro sia rispetto alle indicazioni normative vigenti che rispetto alle precedenti indicazioni dell'Istituto».Vediamo sinteticamente il perché di quest'ultimo giudizio, rimandando per ogni approfondimento all'ampia analisi attuata dal portale che si occupa di legislazione sulla disabilità (cliccare qui).Com'è ormai ben noto, nel fissare nuovi criteri e competenze per gli accertamenti, la Legge 102/09 (articolo 20) ha stabilito che dal 1° gennaio del 2010 le domande di di invalidità, handicap e disabilità venissero presentate all'INPS e non più alle ASL. Tali disposizioni sono state poi rese operative dalla Circolare dell'INPS n. 131 del 28 dicembre 2009.La nuova composizione delle Commissioni ASL (integrate con un medico INPS) avrebbe dovuto generare un vantaggio in termini di tempi oltre che indubbi risparmi di gestione. La Circolare n. 131, infatti, prevedeva che se al termine della visita il verbale fosse stato approvato all'unanimità, quest'ultimo - validato dal Responsabile del Centro Medico Legale dell’INPS - sarebbe stato spedito all’interessato da parte dello stesso Ente, attivando anche, nei casi di erogazione di pensioni, invalidità o assegni, il flusso amministrativo di essi. Solo in casi dubbi o in situazione di mancato accordo, invece, si sarebbe dovuto ricorrere a visite dirette, consentendo comunque un ampio ricorso alla valutazione sugli atti, senza cioè scomodare il Cittadino.Ebbene, con una recente Comunicazione interna (non diffusa nel sito ufficiale) del 20 settembre 2010, da parte del Direttore Generale INPS a tutti i Dirigenti Regionali dell'Ente (comunicazione "rinforzata" da alcune Linee Guida), si ritiene «indispensabile potenziare il ricorso all’accertamento sanitario diretto sulla persona con l’obiettivo di verificare la sussistenza ovvero la permanenza dei requisiti sanitari».«Anche se la nota - commenta HandyLex.org - afferma che l’intento è quello di rendere "definitivo il giudizio medico legale dei sanitari INPS, con il dichiarato obiettivo di evitare futuri disagi al cittadino conseguenti a successive verifiche sanitarie straordinarie", sembra piuttosto che la finalità sia quella di stringere ulteriormente i meccanismi di controllo e di restrizione delle provvidenze concesse. Verosimilmente, a quasi un anno di distanza, l'INPS sta rilevando che il sistema non funziona: in molte Commissioni ASL, infatti, il medico INPS non è ancora presente e inoltre la documentazione sanitaria completa non viene trasmessa all’INPS. Soprattutto, le concessioni di provvidenze economiche stanno riprendendo il loro normale corso».A questo punto rimandiamo, come già detto, all'ampia analisi di HandyLex.org per valutare quali saranno le possibili conseguenze per i Cittadini («più severe di quanto appaia», viene sottolineato nel portale). (S.B.)
Fonte Superando.it

Nessun commento:

Posta un commento